Eugenio Battisti

Contributo ad una estetica della forma
Tesi di laurea in filosofia, 7 luglio 1947

A cura di Giuseppa Saccaro Del Buffa Battisti. Premessa di Carlo Ossola

2017, cm 17 x 24, vi-136 pp.

ISBN: 9788822264893

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 25,00 € 23,75
 
  • Sinossi
  • Recensioni (5)
  • Autori
  • Materiali (1)
  • E-book

Nell’arco che va dalla Vie des formes di Focillon (1934 e 1939) al saggio di Luigi Pareyson, Estetica: teoria della formatività (1954), la tesi di Eugenio Battisti, Contributo ad una estetica della forma (1947) si situa come un ago sensibile tra riflessione e sperimentazione. La tesi e il ragionato e variegato agire di Eugenio Battisti, ricostruito da Giuseppa Saccaro Del Buffa, non solo mettono a vivo nervature dimenticate, o volutamente cancellate, della vita delle arti nel dopoguerra torinese, ma rivelano un pensiero estetico ed etico di consapevole profondità: ogni imitazione, ogni variazione, ogni rottura di canone, in fondo altro non è che «desiderio di forma».

Eugenio Battisti
Eugenio Battisti [Torino, 1924 – Roma, 1989] è stato professore di storia dell’arte e storia dell’architettura in università italiane e statunitensi. Tra le sue pubblicazioni, si ricordano le monografie su artisti (Giotto, Skira, 1960; Cimabue, Istituto editoriale italiano, 1963; Piero della Francesca, Istituto editoriale italiano, 1971; Filippo Brunelleschi, Electa, 1976; Antonello da Messina. Il teatro sacro, gli spazi, la donna, Novecento, 1985), e i grandi affreschi di civiltà: Rinascimento e Barocco, Einaudi, 1960; L’Antirinascimento, Feltrinelli, 1962 [edizione arricchita: Garzanti 1989; 2 voll.; e Aragno 2005]; Hochrenaissance und Manierismus, Holle, 1970; In luoghi di avanguardia antica: da Brunelleschi a Tiepolo, Casa del Libro, 1979. Pubblicate postume le raccolte di saggi editi e inediti: Archeologia industriale. Architettura, lavoro, tecnologia, economia e la vera rivoluzione industriale, Jaca Book, 2001; Iconologia ed ecologia del giardino e del paesaggio, Olschki, 2004; Arte, teatro, società. L’azione scenica e la cinesica, Vecchiarelli, 2008. Appaiono altresì postume le sue poesie: Il ricordo d’un canto che non sento: poesie e prose inedite: 1944-1950, a cura di Giuseppa Saccaro Del Buffa, Sellerio, 1991; e i saggi su: Michelangelo, fortuna di un mito: cinquecento anni di critica letteraria e artistica, a cura di Giuseppa Saccaro Del Buffa, Olschki, 2012. - (luglio 2017) -

Giuseppa Saccaro Del Buffa
Giuseppa Saccaro Del Buffa, moglie di Eugenio Battisti, ha collaborato in più occasioni con lo studioso in pubblicazioni (La civiltà delle streghe, Milano, Lerici, 1964; Le Macchine Cifrate di Giovanni Fontana, Milano, Arcadia 1984) e in eventi culturali (tra cui i Congressi della Società Italiana di Studi Utopici). Ha insegnato Storia della Storiografia Filosofica alla Sapienza. Oltre a saggi sul Medioevo, Rinascimento, Seicento, prospettiva, ha pubblicato: Alle origini del panteismo. Genesi dell’«Ethica» di Spinoza e delle sue forme di argomentazione, Milano, Franco Angeli, 2004; due opere del cabalista Abraham Cohen Herrera, Epitome y compendio de la logica o dialectica, Bologna, CLUEB, 2002, e La Porta del Cielo, testo spagnolo, con traduzione, introduzione e note, Milano, Neri Pozza Editore, 2010. Per i tipi di Olschki a curato i seguenti volumi di Eugenio Battisti: Iconologia ed ecologia del giardino e del paesaggio. 2004; Michelangelo. Fortuna di un mito. Cinquecento anni di critica letteraria e artistica. 2012; Contributo ad una estetica della forma. Tesi di laurea in filosofia, 7 luglio 1947. 2017.

Acquista l'e-book di questo volume dallo store di uno dei nostri partner.