Roger De Piles

Dialogo sul colorito

A cura di Giovanna Perini Folesani e Sandra Costa. Traduzione italiana di Monique Gabbellini

2016, cm 17 x 24, 250 pp. di cui 82 di ristampa anastatica.

ISBN: 9788822264565

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 28,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (2)
  • Autori
  • Materiali (1)

Si presenta per la prima volta in traduzione italiana il Dialogue sur le coloris di Roger de Piles nell’edizione originale del 1673, riprodotta anche anastaticamente. Il testo è accompagnato da due saggi: il primo, di Giovanna Perini Folesani, offre un sommario inquadramento biografico e il commento puntuale del testo, con spunti di critica; il secondo, di Sandra Costa, un’originale contestualizzazione del Dialogue nel mondo dei conoscitori parigini dell’epoca.

Roger De Piles

Giovanna Perini Folesani
Giovanna Perini Folesani, bolognese, è professore ordinario di storia della critica d’arte all’Università di Urbino Carlo Bo. Ha insegnato anche negli Stati Uniti (Johns Hopkins University, Baltimore Md e Oberlin College, Oberlin, Ohio) e a Roma Tor Vergata. Ha all’attivo oltre 200 pubblicazioni a stampa, concernenti per lo più la letteratura artistica e il collezionismo di età moderna in Italia e in Inghilterra, comparsi, prevalentemente in italiano ed in inglese, in cataloghi di mostre e in atti di convegni nazionali e internazionali, in raccolte di saggi, in riviste scientifiche italiane, inglesi, americane, olandesi, tedesche, russe e francesi. È direttore del CURAM (Centro Universitario di Ricerca Avanzata per la Metodologia Storico-Artistica).
(giugno 2020)

Sandra Costa
Sandra Costa è professore associato di metodologia della critica delle arti all’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Fino al 2014 ha insegnato in Francia (Université Paris 1 e Université de Grenoble) e condotto ricerche selezionate dal Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) sul XVII secolo all’école Normale Supérieure di Lione. È membro titolare del Comité des Travaux Historiques et Scientifiques francese e docente associato alla Maison des Sciences de l’Homme-Alpes. Le sue ricerche vertono principalmente sulle pratiche del collezionismo in Europa in epoca moderna e su metodi e aspetti comparati della storia del patrimonio artistico e dei musei.
(novembre 2016)