Vincenzo Bellini nel secondo centenario della nascita

Atti del Convegno internazionale (Catania, 8-11 novembre 2001)
A cura di G. Seminara e A. Tedesco

2004, cm 17 x 24, 2 tomi di xvi-706 pp. con es. mus. n.t. e 22 tavv. f.t.

ISBN: 9788822253903

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 76,00
 
  • Sinossi
  • Autori
  • Materiali (2)
  • E-book

I problemi posti dall’epistolario belliniano, i libretti e la drammaturgia, la relazione tra il compositore e le esperienze operistiche coeve, le questioni filologiche connesse alla realizzazione dell’edizione critica, la ricostruzione della tradizione esecutiva e della messa in scena delle opere belliniane, la recezione di Bellini nell’Ottocento e nel primo Novecento sono i temi dibattuti in questi Atti, che consegnano nuove e stimolanti prospettive sulla produzione e la figura di uno dei massimi operisti del XIX secolo.

Graziella Seminara
Graziella Seminara insegna Drammaturgia musicale presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania. Ha fatto parte del Comitato Nazionale per le Celebrazioni Belliniane del 2001 e ha curato gli atti del Convegno internazionale Vincenzo Bellini nel secondo centenario della nascita (Catania, 8-11 novembre 2001), editi nel 2004 dalla casa editrice Olschki. Attualmente è componente del comitato scientifico del Centro di Documentazione per gli Studi Belliniani e della Fondazione Bellini e fa parte del Comitato direttivo del «Bollettino di Studi Belliniani». È autrice di monografie su Jean-Philippe Rameau (Palermo, L’Epos, 2001), su Alban Berg (Palermo, L’epos, 2012) nonché sul teatro musicale di Azio Corghi e José Saramago (Lo sguardo obliquo, Milano, Ricordi-LIM, 2015). All’interesse per il teatro musicale ha affiancato quello per la musica del XX secolo e ha dedicato i suoi studi ai compositori della Seconda Scuola di Vienna, ai musicisti Alfredo Sangiorgi, György Ligeti, Francesco Pennisi e Aldo Clementi, nonché al tema dei rapporti tra musica e immagini nel cinema. - (gennaio 2017) -

Anna Tedesco
Anna Tedesco insegna Storia del teatro musicale nell’Università di Palermo. È autrice di numerosi lavori dedicati all’opera italiana del Seicento (tra cui il volume Il Teatro Santa Cecilia e il Seicento musicale palermitano) e alla recezione dell’opera francese in Italia nell’Ottocento. Le sue ricerche recenti vertono sui rapporti musicali tra Italia e Spagna nel XVII secolo, nel duplice senso delle influenze drammaturgiche e del mecenatismo dei viceré spagnoli in Italia. Sta preparando l’edizione critica dell’Egisto di Francesco Cavalli per la serie Francesco Cavalli: Opere (Kassel: Bärenreiter, 2012–). - (settembre 2016) -

Acquista l'e-book di questo volume dallo store di uno dei nostri partner.