Alessandro Cecchi

In difesa della «dolce libertà»
L’assedio di Firenze (1529-1530)

2018, cm 17 x 24, x-302 pp. con 32 tavole a colori f.t.

ISBN: 9788822265593

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 29,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (5)
  • Autore
  • Materiali (1)

Nuovi spogli documentari, fra le carte dell’Archivio di Stato, consentono, per la prima volta, di verificare e integrare fonti quali il Varchi e il Nardi, e pervenire a una ricostruzione pressoché giornaliera e attuale degli avvenimenti svoltisi nei dieci mesi dell’assedio da parte di Carlo V, dall’ottobre del 1529 all’agosto del 1530. Nessun sacrificio fu ritenuto inaccettabile per la difesa di quella ‘dolce libertà’, citata in ogni documento e per cui i Fiorentini erano pronti a dare la vita e la ‘roba’.

Alessandro Cecchi
Alessandro Cecchi è nato a Firenze l’8 maggio del 1949. Si è laureato con Mina Gregori nel 1976 in Lettere e Storia dell’Arte, entrando nel 1980 nell’amministrazione dei Beni Culturali e prestando servizio a Siena e a Firenze fino al 2014. Dal 2016 è Direttore della Fondazione Casa Buonarroti. È studioso e ricercatore d’archivio, autore di due monografie dedicate a Botticelli e Masaccio, e di numerosi saggi e articoli anche sulla committenza artistica e le arti applicate. Ha curato mostre sull’arte fiorentina tra Quattro e Cinquecento, fra cui quella, recente, di Casa Buonarroti, intitolata Michelangelo e l’assedio di Firenze. (aprile 2018)