Ovidio Montalbani

Del vento e delle comete
Speculazioni accademiche

A cura di Linda Bisello

2017, cm 17 x 24, xxvi-120 pp. con 2 figg. b/n n.t.

ISBN: 9788822265258

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 25,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (1)
  • Autori
  • Materiali (1)

Figura eclettica di “scienziato scrittore”, Ovidio Montalbani (Bologna 1601-1671) compila annualmente «tacuini» di predizioni astrologiche su incarico del Senato bolognese. Di questi pronostici i Discorsi barocchi sugli elementi naturali rappresentano un’appendice trattatistica, dove le memorie letterarie sono intessute coi dati scientifici.
Di Montalbani si propongono qui le dissertazioni su vento, rugiada, nubi, neve e comete: elementi che formano una sequenza di “meteori” oggetto del coevo dibattito scientifico, e non meno emblemi della vanitas inscritti nel cielo, ove «pullulano e germogliano le variazioni di tutte le mutabilità» (Dell’alterabilità del cielo).

Ovidio Montalbani

Linda Bisello
Linda Bisello insegna Letteratura Italiana nell'Università della Svizzera Italiana. Ha pubblicato i saggi: Medicina della memoria. Aforistica ed esemplarità nella cultura barocca (Olschki, 1998), che tratta della matrice medica della fioritura degli aforismi politici dopo Machiavelli; “Sotto il manto del silenzio”. Storia e forme del tacere (secc. XVI-XVII) (Olschki, 2003), dove si studiano le implicazioni religiose e politiche del silenzio nell'età della Controriforma. Ha tradotto e curato il testo tardo rinascimentale del grammatico Nascimbeni, Grammatilogia (Edizioni dell'Orso, 2006), ove si teorizza il valore di nascondimento della scrittura rinchiuso nelle lettere dell'alfabeto; ha annotato testi che fanno capo alla quaestio filosofica sul nulla dibattuta nelle Accademie europee nel Seicento (Le antiche memorie del nulla, a cura di C. Ossola, Edizioni di Storia e Letteratura, 2007). È autrice di contributi dedicati alla cultura rinascimentale, a politica e scienza in età moderna, di studi sulla circolazione della cultura libertina in Europa e sui rapporti tra anatomia e letteratura in età moderna. (luglio 2017)