Salvatore Cingari

Un'ideologia per il ceto dirigente dell'Italia unita
Pensiero e politica al Liceo Dante di Firenze (1853-1945)

2012, cm 17 x 24, 502 pp.

ISBN: 9788822261441

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 42,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (12)
  • Autore
  • Materiali (1)

Dal Granducato alla Grande Guerra, all’avvento del fascismo, alla Liberazione: basato su un’imponente mole di documenti inediti o poco conosciuti, il lavoro tenta di fare una storia delle idee politiche dei quadri intellettuali intermedi, cercando risposte ai grandi quesiti della storia nazionale: il Risorgimento fu una rivoluzione? Quanto fu «liberale» il moderatismo italiano? C’è continuità o rottura fra Italia liberale e fascismo? Quale consenso della cultura al regime? Fu autoctona la deriva razzista?

Salvatore Cingari
Salvatore Cingari (1966) è professore associato di Storia delle dottrine politiche all’Università per Stranieri di Perugia ed è stato visiting professor all’Università del Cairo. Nel 2001 ha vinto il premio nazionale Basilicata con la monografia Il giovane Croce. Una biografia etico-politica (Rubbettino), primo volume di una trilogia proseguita con Alle origini del pensiero «civile» di Benedetto Croce (Editoriale scientifica, 2002) e Benedetto Croce e la crisi della civiltà europea (Rubbettino, 2003). Ha scritto inoltre su Ernesto Balducci, D’Annunzio, Labriola Gramsci, Capitini e su vari temi relativi alla cultura postunitaria. Attento ai problemi politico-sociali contemporanei, si è anche occupato dell’identità civile degli italiani nell’epoca della globalizzazione e della Costituzione europea.