Sergio Amato

Aristocrazia politico-culturale e classe dominante
nel pensiero tedesco (1871-1918)

2008, cm 17 x 24, 310 pp.

ISBN: 9788822258021

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 27,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (4)
  • Autore
  • Materiali (1)

Esiste una teoria della classe dominante nella dottrina dello Stato tedesca tra Ottocento e Novecento? E quale ruolo specifico vi occupa l’aristocrazia politico-culturale dei Gelehrte? Partendo da Meinecke, l’A. affronta tale complessa problematica – singolarmente trascurata nella storiografia specializzata internazionale – raffrontando le concezioni di Gneist e Treitschke, di Schmoller e Cohn, di Kautsky e di Mosca, di Bernstein e di Naumann, e ponendole in rapporto con gli scrittori politici della generazione successiva, da Weber a Michels, a Hintze, a Kelsen.

Sergio Amato
Ordinario di Storia delle Dottrine Politiche all’Università di Siena, dove dirige il Laboratorio Nazionale di Studi sulla Teoria della Classe Politica «Mario Delle Piane», Sergio Amato, perfezionatosi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, ha svolto ricerche C.N.R. a Londra, Parigi, Vienna, Amsterdam e Bremen. Visiting Professor all’Università di Harvard, nel 1989-1992 ha collaborato come borsista della Alexander-von-Humboldt-Stiftung al Seminario di Neuere Geschichte di Gerhard A. Ritter presso l’Università di Monaco di Baviera. Autore di numerosi volumi e monografie pubblicate in Germania, Stati Uniti e Italia sul pensiero politico russo, austriaco e tedesco tra Settecento e Novecento, partecipa al comitato direttivo della rivista «Il Pensiero Politico».