Clelia Grillo Borromeo Arese
Un salotto letterario settecentesco tra arte, scienza e politica. II

Sezioni di Storia dell'Arte, Storia e Storia della Letteratura Italiana.
A cura di Andrea Spiriti con la collaborazione di Laura Facchin

2011, cm 17 x 24, vi-252 pp. con 23 tavv. f.t.

ISBN: 9788822260796

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 30,00
 
  • Sinossi
  • Autori
  • Materiali (1)

Clelia Grillo Borromeo Arese fu figura di aristocratica e di intellettuale assai controversa, animatrice, nella Milano di primo Settecento, di un salotto letterario che rappresentò un punto di riferimento fondamentale del dibattito culturale, artistico e scientifico cittadino. Il rapporto instaurato dal 1718 con Antonio Vallisneri e i successivi soggiorni nei palazzi borromaici di quest’ultimo favorirono lo svecchiamento delle scienze mediche e naturalistiche nell’ambiente milanese e una significativa estensione della rete dei corrispondenti e collaboratori del professore patavino.