Vittorio Sciuti Russi

Inquisizione spagnola e riformismo borbonico fra Sette e Ottocento
Il dibattito europeo sulla soppressione del «terrible monstre»

2009, cm 14,5 x 21,5, xxii-372 pp.

ISBN: 9788822258083

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 39,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (6)
  • Autore
  • Materiali (2)
  • E-book

Nel secolo dei Lumi, l’Inquisizione di rito spagnolo apparve sempre più incompatibile con il diritto naturale, con il contratto sociale, con la dottrina evangelica. Gli intellettuali europei – gallicani, giansenisti, riformatori, illuministi, massoni e liberali – ritennero di dovere agire contro il fanatismo religioso generato dall’ignoranza, dalla superstizione, dal sonno della ragione e di dovere abbattere in Sicilia e Spagna il «santo tribunale», assimilato a una tigre feroce o alla mostruosa idra dalle sette teste.

Vittorio Sciuti Russi
Vittorio Sciuti Russi è professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania. Ha dedicato i suoi studi agli apparati di governo, ai Parlamenti, alle élites del regno di Sicilia in età moderna. Le sue recenti ricerche riguardano il tribunale dell’Inquisizione spagnola. È autore di numerose monografie, tra le quali Astrea in Sicilia. Il ministero togato nella società siciliana dei secoli XVI e XVII (Napoli, Jovene, 1983) e Gli uomini di «tenace concetto». Leonardo Sciascia e l’Inquisizione spagnola in Sicilia (Milano, La Vita Felice,1996).

Acquista l'e-book di questo volume dallo store di uno dei nostri partner.