Diego Sbacchi

La presenza di Dionigi Areopagita nel «Paradiso» di Dante

2006, cm 17 x 24, xxiv-148 pp.

ISBN: 9788822255747

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 19,00 € 18,05
 
  • Sinossi
  • Recensioni (1)
  • Autore
  • Materiali (1)
  • E-book

Dante si avvalse dell’astrologia e dell’angelologia per determinare la tipologia dei beati e fu in questo aiutato dal commentario di Albero Magno al «De Caelesti Hierarchia»: prova che Dante conosceva tale opera è la prerogativa attribuita agli angeli chiamati Troni. Dalla tradizione dionisiana-eriugeniana derivò poi la triplice struttura dell’universo, che comporta un’ascesa in ciascuna parte del cosmo. Altro debito dionisiano è l’uso della metafora dello specchio.

Diego Sbacchi
Laureato in Lettere Classiche presso l’Università di Macerata con una tesi in Filologia e Storia bizantina, ha conseguito il Dottorato (Ph.D.) alla University of Toronto presso il Department of Italian Studies specializzandosi in Dante. Negli anni del Dottorato ha collaborato con la BIGLLI e con la rivista del Dipartimento “Quaderni di Italianistica”; del medesimo Dipartimento è membro della “Committee for Research Projects in 16th-17th Centuries Italian Literature”. È autore di diversi articoli e del volume “La presenza di Dionigi Areopagita nel Paradiso di Dante”, Firenze, Olschki, 2006. Attualmente è professore di Lettere nei Licei.

Acquista l'e-book di questo volume dallo store di uno dei nostri partner.