Giuseppe Chiecchi

Dante, Boccaccio, l'origine
Sei studi e una introduzione

2013, cm 17 x 24, xx-192 pp.

ISBN: 9788822262424

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 24,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (3)
  • Autore
  • Materiali (1)

I sei saggi raccolgono le esplorazioni eseguite da Dante e da Boccaccio in quello spazio letterario che si spalanca alla parola che, o tenta il ritorno verso il proprio cominciamento (Commedia), o si distrae e si preserva nel molteplice (Decameron). Viene evidenziato l’enorme divario che separa il pensiero teleologico e mitologico di Dante, dalle riflessioni e dagli esperimenti narrativi di Boccaccio, dal Filocolo fino al Ninfale fiesolano e al Decameron.

Giuseppe Chiecchi
Giuseppe Chiecchi è professore ordinario di Letteratura italiana presso l’Università degli Studi di Verona. La sua ricerca, anche se comprende Manzoni e Gadda, è prevalentemente indirizzata ai primi secoli della Letteratura italiana, come dimostrano, tra l’altro, le pubblicazioni sulla paremiografia (La parola del dolore. Primi studi sulla letteratura consolatoria tra Medioevo e Umanesimo, 2005) e sulla narrativa di Boccaccio (Giovanni Boccaccio e il romanzo familiare, 1994). Tra i risultati delle indagini su Vincenzio Borghini, si menzionano: Le Annotazioni e i Discorsi sul ‘Decameron’ del 1573 dei deputati fiorentini (2001) e: Vincenzio Borghini. Scritti su Dante (2009). Ha curato l’edizione della Consolatoria a Pino de’ Rossi di Boccaccio (1994). Nel 2012 ha pubblicato Dante, Boccaccio, l'origine. Sei studi e una introduzione e nel 2014 Annotazioni sul volgarizzamento del "Liber ruralium commodorum" di Pietro Cresenzi (2014).
(dicembre 2016)