Camillo Cavour

Epistolario. Vol. XVII (1860)

A cura di C. Pischedda e R. Roccia

2005, cm 17 × 24, 6 tomi di xii-3264 pp.

ISBN: 9788822254283

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 330,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (3)
  • Autori
  • Materiali (2)

Fitti scambi epistolari e un’intensa attività diplomatica caratterizzano il 1860, anno centrale del triennio in cui giunse a compimento il processo di unificazione, e ne mettono a fuoco le tappe salienti: l’annessione dell’Emilia e della Toscana al Piemonte, l’impresa garibaldina dei Mille, la liberazione della Sicilia e del continente, la spedizione nelle Marche e nell’Umbria, i plebisciti nell’Italia centro-meridionale e nell’isola, l’arrivo a Napoli dei piemontesi.

Camillo Cavour

Carlo Pischedda
Carlo Pischedda (1917-2005), storico risorgimentale, medaglia d’oro alla cultura, professore ordinario dell’Università di Torino, membro dell’Accademia delle Scienze di Torino, vicepresidente della Deputazione Subalpina di Storia Patria, presidente della Commissione nazionale cavouriana, ha dedicato gran parte della sua attività di studioso a Camillo Cavour, del quale ha pubblicato con Giuseppe Talamo i quattro volumi Tutti gli scritti (1976-78), nonché diretto e curato, talora in collaborazione, l’Epistolario, che giunto al 1860 si sta avviando a conclusione. Tra i suoi contributi spiccano per originalità i volumi Problemi dell’unificazione italiana (1963) e Elezioni politiche nel Regno di Sardegna (1848-1859) (1965), e da ultimo la miscellanea Pagine sul Risorgimento (2004). Numerose le ricerche sulla figura dello statista piemontese e del suo entourage pubblico e privato; tra queste si segnala la raccolta Camillo Cavour. La famiglia e il patrimonio (1997).

Rosanna Roccia
Rosanna Roccia (Torino, 1942), laureata in Storia moderna con Carlo Pischedda e diplomata in paleografia, archivistica e diplomatica, ha diretto l’Archivio Storico della Città di Torino, di cui ha lungamente coordinato l’attività editoriale. Nel 1980 ha iniziato la collaborazione all’ Epistolario cavouriano sotto la guida di Pischedda, proseguendone l’opera sino alla conclusione. Ha pubblicato vari saggi storici e ha partecipato con contributi di storia istituzionale alla grande Storia di Torino edita da Einaudi. Membro della Deputazione Subalpina di Storia Patria, della Commissione Nazionale per la pubblicazione dei Carteggi del Conte di Cavour, del Comitato scientifico del Centro Studi Piemontesi, è direttore della rivista “Studi Piemontesi” e curatore dell’ Epistolario di Urbano Rattazzi.