Il decifratore e l'abate
Il carteggio tra gli Champollion e Costanzo Gazzera

A cura di Silvia Einaudi. Con la collaborazione di Karine Madrigal. Presentazione di Alessandro Roccati

2019, cm 17 x 24, xvi-242 pp.

ISBN: 9788822266569

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 34,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (1)
  • Autori
  • Materiali (1)

Tra il 1824 e il 1858 diversi scambi epistolari furono intrattenuti da Costanzo Gazzera (1779-1859), segretario dell’Accademia delle Scienze di Torino, con tre membri della famiglia Champollion: il “Decifratore” dei geroglifici Jean-François (1790-1832), suo fratello Jacques-Joseph (1778-1867) e uno dei figli di quest’ultimo, Aimé (1812-1894).
La pubblicazione delle 101 lettere che compongono questi carteggi getta luce sulla nascita della scienza egittologica e, più in generale, sul vivace clima culturale europeo dell’epoca.

Silvia Einaudi
Silvia Einaudi, egittologa, è collaboratrice scientifica presso l’École Pratique des Hautes Études/AOrOc di Parigi. È stata ricercatrice post-dottorato all’Università di Montpellier e ricercatrice invitata all’École du Louvre. Tiene corsi sull’antico Egitto a Parigi ed è epigrafista della missione archeologica francese nella tomba di Padiamenope (TT 33) a Luxor. I suoi principali ambiti di ricerca sono: il Libro dei Morti, la storia della collezione Drovetti, la formazione del Museo Egizio di Torino, la nascita e gli sviluppi dell’egittologia nell’Ottocento, le tombe monumentali tarde della necropoli dell’Asasif (fine VIII-metà VI sec. a.C.), argomento su cui sta per pubblicare una monografia.
(luglio 2019)

Karine Madrigal
Karine Madrigal a étudié l'histoire de l'art et l'archéologie à l'Université Lumière Lyon 2. Elle s'est spécialisée en égyptologie et a suivi les cours du DUESE (diplôme d'égyptologie) à Lyon avec Laure Pantalacci. De 2008 à 2014, elle a travaillé comme assistante scientifique sur la collection d'égyptologie au Musée des Confluences de Lyon. Depuis 2010, elle inventorie et étudie le fonds Champollion conservé aux Archives départementales de l'Isère. (ottobre 2019)