Piera Giovanna Tordella

Il disegno nell'Europa del Settecento
Regioni teoriche ragioni critiche

2012, cm 17 x 24, xiv-284 pp. con 16 tavv. f.t.

ISBN: 9788822262332

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 34,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (1)
  • Autore
  • Materiali (1)

Lungo il Settecento europeo, non unicamente secolo dei Lumi, in un serrato itinerario a ritroso, attraverso testi di autori tedeschi, francesi, inglesi, olandesi e italiani, il volume segue l’evoluzione teorico-critica del disegno, nella sua articolata e lessicalmente ambigua configurazione. Soggetto intrinsecamente variegato, il disegno chiama in scena intellettuali, filosofi, scrittori, poeti, artisti, conoscitori, collezionisti, e non solo. Una scena spesso animata da interpreti innovatori che solcano orizzonti concettuali ed estetici densamente popolati da plausi e dissensi.

Piera Giovanna Tordella
Piera Giovanna Tordella è professore associato nell’Università di Torino dove insegna «Storia, teoria e critica del disegno, dell’incisione e della grafica». Indirizzati al disegno, eminentemente indagato lungo l’evo moderno sino all’età contemporanea, i suoi studi affrontano dimensioni teorico-critiche, nessi tra stile e tecnica, collezionismo, connoisseurship. Tra i lavori recenti, i volumi La linea del disegno. Teoria e tecnica dal Trecento al Seicento (Milano, Bruno Mondadori, 2009) e Ottavio Leoni e la ritrattistica a disegno protobarocca (Accademia Toscana di Scienze e Lettere “La Colombaria”, Collana Studi CCXLIX, Firenze, Olschki, 2011), Il disegno nell'Europa del Settecento. Regioni teoriche ragioni critiche (Olschki, 2012).