Fabiana Savorgnan di Brazzà

Filologia e canti popolari
nel carteggio Michele Barbi - Renata Steccati (1930-1940)

2009, cm 14,5 x 20,5, 174 pp. con 8 tavv. f.t.

ISBN: 9788822259196

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 17,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (1)
  • Autore
  • Materiali (1)

Lo scambio epistolare tra Michele Barbi e Renata Steccati, sua allieva friulana all’Università di Firenze, comprende il decennio 1930-1940, e reca nuova luce sulla tradizione della letteratura popolare e della poesia epico-lirica in Friuli, in rapporto alla Toscana e al resto d’Italia. L’Appendice riunisce un manipolo di lettere di illustri studiosi nel campo degli studi della poesia popolare (Paolo Toschi, Vittorio Santoli, Giovanni Bronzini) e alcune lettere scambiate dalla Steccati con Luigi Russo.

Fabiana Savorgnan di Brazzà
Fabiana Savorgnan di Brazzà è ricercatore in Letteratura Italiana presso il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Udine. Sul piano scientifico i suoi studi riguardano in particolare l’età del Sette e Ottocento. Fra le sue pubblicazioni, l’edizione critica delle poesie di Antonio di Brazzà (Campanotto, 1998), cui sono seguiti contributi che hanno portato alla luce nuovi documenti inediti di Jacopo Vittorelli e Ippolito Pindemonte; inoltre, nuove ricerche su Daniele Florio, Pietro Verri, Antonio Conti, Melchiorre Cesarotti, Giovanni Battista Bolza. Nell’ambito della letteratura di viaggio ha curato gli atti del Convegno Internazionale Pietro Savorgnan di Brazzà dal Friuli al Congo Brazzaville e, in collaborazione con E. Mori, il Giornale di viaggio (1 gennaio 1883-31 dicembre 1885) di Giacomo Savorgnan di Brazzà (Olschki, 2006 e 2008).