Luigi Lanzi a Udine (1796-1801)
Storiografia artistica, cultura antiquaria e letteraria nel cuore d'Europa tra Sette e Ottocento

Atti del Convegno di Studi (Udine, 21-23 novembre 2018)
A cura di Paolo Pastres

2020, cm 17 x 24, xii-294 pp. con 16 tavv. f.t.

ISBN: 9788822266972

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 35,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (4)
  • Autore
  • Materiali (1)

Dal 1796 al 1801 Luigi Lanzi visse a Udine, costretto dagli eventi che avevano investito l’Europa. Durante quei cinque anni avviò l’edizione definitiva della Storia pittorica, pubblicata infine del 1809, scrisse altre opere “minori” e intrecciò una fitta rete di rapporti con personalità della cultura veneta. Il volume raccoglie una serie di interventi dedicati a quell’importante periodo, finora poco indagato, offrendo molte novità sulla biografia e gli studi di Lanzi.

Paolo Pastres
Paolo Pastres si dedica soprattutto allo studio della letteratura artistica del XVIII secolo, con particolare riguardo alle figure di Luigi Lanzi e Francesco Algarotti. I sui campi d’interesse sono incentrati sui rapporti tra letteratura e arti figurative, con interventi su Erasmo di Valvasone e Jacopo Bassano, Antonio Lupis e Luca Giordano e la scultura funeraria veneziana, per passare alle relazioni tra Antonio Conti, Francesco Algarotti, Francesco Zuccarelli e Giambattista Tiepolo. Inoltre le sue ricerche si sono rivolte all’analisi della storiografia artistica sei e settecentesca, specialmente al sistema delle scuole pittoriche. Di Lanzi ha curato l’edizione del Taccuino lombardo (nel 2000) e l’Epistolario con Mauro Boni (nel 2009).
(novembre 2019)