"Pagine sparse"
Il carteggio di Giuseppe Martucci nei documenti d'Archivio del Royal College of Music

A cura di Federica Nardacci

2019, cm 17 x 24, xl-176 pp. con 8 tavv. bn f.t.

ISBN: 9788822266934

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 30,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (2)
  • Autore
  • Materiali (1)

Il volume raccoglie oltre 150 lettere indirizzate a Giuseppe Martucci (1856-1909), nell’arco temporale dal 1877 al 1909. Tra i corrispondenti figurano eminenti letterati (Enrico Panzacchi, Giosuè Carducci), critici musicali (Aldo Noseda, Filippo Filippi) e personaggi della politica e dell’aristocrazia del tempo (Adelaide Del Balzo Strongoli). La collezione, conservata presso il Royal College of Music di Londra, comprende anche una decina di lettere che attestano gli onori postumi tributati a Martucci.

Federica Nardacci
Federica Nardacci è bibliotecaria presso il Royal College of Music di Londra. Membro della Royal Musical Association, collabora occasionalmente con la BBC Symphony Orchestra e i BBC PROMS per la stesura delle note di sala. È stata per oltre dieci anni responsabile dell’Istituto di Bibliografia musicale di Roma e ha curato l’Archivio epistolare di Goffredo Petrassi di Latina insieme agli Archivi Francesco Pennisi e Nino Porto. Ha pubblicato numerosi saggi e interviste a musicisti e compositori contemporanei (tra cui Ennio Morricone e Charles Rosen), raccolte nel volume Universi Sonori (Nuovetendenze, 2015).

Federica Nardacci is a librarian at the Royal College of Music in London. Member of the Royal Musical Association, she collaborates occasionally with the BBC Symphony Orchestra and BBC PROMS writing programme notes. For more than ten years, she was responsible for the Institute of Music Bibliography in Rome and curator of the Goffredo Petrassi archive of Latina together with the Francesco Pennisi and Nino Porto archives. Federica has published numerous essays and interviews with well-known contemporary musicians and composers (including Ennio Morricone and Charles Rosen), collected in a volume, Universi Sonori (Nuovetendenze, 2015).
(gennaio 2020)