Interdisciplinarità del petrarchismo
Prospettive di ricerca fra Italia e Germania

A cura di Maiko Favaro e Bernhard Huss

2018, cm 17 x 24, x-270 pp. con 6 figg. n.t. e 23 tavv. f.t. a colori

ISBN: 9788822265852

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 35,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (2)
  • Autori
  • Materiali (1)

Italia e Germania possiedono una vivace tradizione di studi sul petrarchismo. In questo volume, studiosi formatisi nei due paesi riflettono su alcuni esempi significativi della valenza ‘interdisciplinare’ del petrarchismo in Italia fra Quattro e Settecento, con una particolare attenzione al Cinquecento. In particolare, sono analizzati i rapporti fra il petrarchismo e i seguenti ambiti: filosofia e spiritualità; arti figurative; cultura classica; musica e teatro.

Bernard Huss
Bernhard Huss è attualmente professore ordinario di Filologia Romanza con specializzazione in Letteratura Italiana presso la Freie Universität di Berlino. Ha studiato Filologica Classica a Monaco e Genova, lavorato come research associate alla University of Illionois at Urbana-Champaign, insegnato alle università di Illinois, Monaco, Erlangen-Norimberga e Berlino. Alla Freie Universität dirige l’Italienzentrum (Centro Studi Italiani). Huss ha pubblicato studi su molti testi della letteratura italiana tra Duecento e Novecento, concentrandosi su Francesco Petrarca, il petrarchismo accademico del Rinascimento, Lorenzo de‘ Medici ed altri autori rinascimentali. (agosto 2018)

Maiko Favaro
Maiko Favaro. Formatosi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, è Assistente di Letteratura italiana all’Università di Friburgo (Svizzera). Ha svolto incarichi di insegnamento e di ricerca presso le università di Harvard, Trieste, Udine e Berlino (in qualità di ricercatore ‘Marie Skłodowska-Curie’). Le sue ricerche vertono soprattutto su lirica, epica, lettere e trattati amorosi del Rinascimento, ma anche sulla fortuna di Dante dal Risorgimento ad oggi e su alcuni scrittori novecenteschi. Ha curato presso il Museo petrarchesco piccolomineo di Trieste una mostra sulla donna nel Rinascimento. Ha vinto il Canadian Society for Italian Studies Award 2011 e il Premio Tasso 2016. (aprile 2018)