Anton Dante Coda

Un malinconico leggero pessimismo
Diario di politica e di banca (1946-1952)

A cura di Gerardo Nicolosi

2018, cm 17 x 24, xxxviii-378 pp. con 23 ill. f.t.

ISBN: 9788822265449

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 45,00
 
  • Sinossi
  • Recensioni (17)
  • Autori
  • Materiali (1)

Primo presidente dell’Istituto bancario San Paolo di Torino nel secondo dopoguerra, Anton Dante Coda fu uno dei più attivi esponenti del liberalismo in Piemonte. Il diario 1946-1952 è una testimonianza del ruolo di Coda nella conduzione di una delle più prestigiose banche italiane, ma, più in generale, è anche una importante fonte per la ricostruzione dei rapporti tra banche, mondo imprenditoriale e politica nell’Italia del dopoguerra.

Anton Dante Coda

Gerardo Nicolosi
Gerardo Nicolosi insegna Storia dei movimenti e dei partiti politici e Storia globale dell’età contemporanea presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Internazionali dell’Università di Siena. Si è occupato di storia del colonialismo, di storia delle élites politiche e amministrative di età liberale e di storia del liberalismo in Italia tra Otto e Novecento. È autore di numerosi saggi in volumi collettanei e di articoli in riviste scientifiche e delle monografie Imperialismo e resistenza in Corno d’Africa (Rubbettino, 2002); Risorgimento liberale. Il giornale del nuovo liberalismo (Rubbettino, 2012); La Provincia di Siena in età liberale (nuova edizione, Rubbettino, 2012).
(dicembre 2017)