Filippo Camerota

Linear Perspective in the Age of Galileo
Ludovico Cigoli's «Prospettiva pratica»

2010, cm 17 x 24, xxii-360 pp. con 246 figg. n.t. e 19 tavv. f.t. di cui 18 a colori.

ISBN: 9788822259868

Aggiungi a «I miei volumi»
€ 35,00
 
  • Sinossi
  • Autore
  • Materiali (1)

La Prospettiva pratica di Ludovico Cigoli è insieme un’opera di letteratura artistica e uno straordinario documento scientifico del ruolo attribuito alla rappresentazione del mondo visibile nell’ambito delle ricerche galileiane. Composto da uno dei pittori più vicini a Galileo negli anni delle grandi scoperte astronomiche (1610-1613), il trattato illustra temi decisivi per il disegno prospettico, dalle proiezioni ortogonali alla proiezione delle ombre, dalle scene teatrali all’uso degli strumenti meccanici.

Filippo Camerota
Filippo Camerota (1960), architetto, è Vice Direttore Vicario e responsabile delle collezioni del Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze. Ha insegnato Disegno e Storia dell’architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, dedicando la sua carriera di studioso alla storia delle ‘intersezioni’ tra arte e scienza, con particolare riguardo alla prospettiva rinascimentale. Tra le sue principali pubblicazioni sul tema della prospettiva si segnalano il catalogo della mostra (Uffizi, 16 ottobre 2001 - 7 aprile 2002) curata in occasione delle celebrazioni di Masaccio (Nel segno di Masaccio. L’invenzione della prospettiva, Giunti, Firenze, 2001), e il recente volume monografico La prospettiva del Rinascimento. Arte, architettura, scienza, Electa, Milano 2006.
Filippo Camerota (1960), architect, is Deputy Vice Director and Collection Manager of the Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze. He taught architectural drawing and history of architecture at the Istituto Universitario di Architettura in Venice. His studies focus on the ‘intersections’ between art and science, with particular regard to Renaissance perspective. Among his principal published works on linear perspective, we point out an exhibition catalogue edited in the occasion of Masaccio’s celebrations (Nel segno di Masaccio. L’invenzione della prospettiva, Giunti, Firenze, 2001), and a recent book on the history of Renaissance perspective in art, architecture and science (La prospettiva del Rinascimento. Arte, architettura, scienza, Electa, Milano 2006).